Homeschooling

L’articolo 34 della Costituzione Italiana recita: “L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita”. Quindi è l’istruzione ad essere obbligatoria, ma non la scuola. 

In tempo di “covid”, pedagogisti ed educatori continuano a discutere su come preparare al meglio gli studenti per sopravvivere nel mondo moderno, la conclusione più spesso raggiunta è di personalizzare l’apprendimento, adattandolo ai loro bisogni, punti di forza, passioni e interessi.

Per rendersene conto basta leggere le Indicazioni Nazionali per il curricolo, il testo di riferimento unico per tutte le scuole, che sostituisce quelli che, un tempo, si chiamavano “programmi ministeriali”.

In quasi ogni paragrafo si parla di personalizzazione dell’apprendimento.

Purtroppo, la scuola non sempre riesce nel suo nobile compito di dare a ciascun alunno lo spazio necessario per esprimersi: le classi affollate, il cambio continuo di insegnanti, i ritmi serrati della programmazione, non permettono di individualizzare il percorso di istruzione come si desidererebbe fare.

Inoltre, quando la tecnologia entra in classe, spesso gli alunni si trasformano in semplici fruitori, spettatori passivi di spettacolini didattici.

Sebbene la tecnologia svolga un ruolo chiave nell’apprendimento personalizzato, è il rapporto con gli adulti di riferimento che porta al successo. Le nuove tecnologie ci mettono davanti a diversi dilemmi, soprattutto legati all’utilizzo che si fa di esse, e il sostegno di un adulto è necessario.

Quindi, la tecnologia non sostituisce l’insegnamento, ma può semplificare la comprensione delle materie. Se utilizzata con cognizione, la tecnologia può anche rafforzare i legami interpersonali, contribuendo così a un’esperienza di apprendimento ancora più esclusiva e a 360°.

I genitori homeschoolers hanno accesso a una vasta selezione di programmi e App che ridefiniscono l’acquisizione di informazioni e l’esercizio accademico.

Ad esempio, con Skype e Google Earth, gli studenti possono connettersi con persone e luoghi lontani migliaia di chilometri. Attraverso siti come Khan Academy e Udemy, essi possono approfondire i propri interessi sia accademici che non, grazie a svariati corsi gratuiti o a basso prezzo.

Analizziamo ora alcuni dei motivi per cui gli studenti beneficiano di un apprendimento personalizzato, oggi attuabile attraverso l’homeschooling possibilità di istruzione contemplata dall’ordinamento scolastico italiano.

Successo personale e lavorativo

Sia nella vita universitaria che nella vita lavorativa, le abilità sociali ed emotive sono vitali per il successo. L’Homeschooling è orientato allo sviluppo di tali competenze, rimanendo coerentemente allineato con gli standard accademici richiesti dalla società.

A differenza dell’apprendimento tradizionale in cui gli studenti sono raggruppati principalmente per età e abilità apparenti, dove i tempi sono preconfezionati e dove vengono utilizzati i test standardizzati, valutazioni spesso superficiali, l’apprendimento personalizzato consente agli studenti di padroneggiare intimamente il materiale prima di passare all’argomento di studio successivo.

Così si aumenta le possibilità che ogni studente abbia le conoscenze, l’abilità e l’introspezione di cui ha bisogno per essere soddisfatto del proprio lavoro.

Inoltre, questo approccio individuale incoraggia gli studenti ad esprimere quali siano i propri interessi, diventando così co-creatori del proprio percorso educativo. Questo sistema insegna loro a prendersi la responsabilità delle proprie scelte.

Personalizzazione

L’homeschooling è da sempre personalizzato e può quindi essere un mix di diversi metodi di apprendimento.

Le famiglie progettano il proprio percorso di istruzione in base ai loro interessi e agli stili di apprendimento dei figli, che meglio si adattano alle proprie esigenze. Ad esempio, un ragazzo può studiare in piccoli gruppi, oppure usufruire di un tutoraggio individuale. Anche l’impostazione fisica, l’uso degli spazi, può essere ottimizzato per avere un apprendimento massimale. Un esempio è la strategia di offrire ai nostri ragazzi la possibilità di apprendere in movimento e non relegati a un banco. Stiamo parlando di apprendimento all’aperto, presso musei e centri di studio o in natura, ma anche di apprendimento libero in casa. Una semplice seduta flessibile, può aiutare i ragazzi che hanno uno stile di apprendimento cinestetico a stare meglio, e quindi a imparare di più. L’obiettivo è quello di far sentire gli studenti a proprio agio, sempre.

Ritmo

Al fine di aumentare il potenziale di apprendimento di uno studente, è necessario identificare i suoi punti di forza e approfondire i suoi interessi. Le famiglie possono creare un profilo individuale per ciascun figlio e aggiornarlo regolarmente, stabilendo obiettivi a breve e lungo termine, e condividendoli con i ragazzi. Questo aiuterà i figli homeschoolers a prendere pieno possesso della propria esperienza di apprendimento, essendone protagonisti. I genitori possono facilmente valutare e identificare le aree in cui è necessario modificare un metodo o un obiettivo di apprendimento e agire subito. Questo approccio consente ai ragazzi di lavorare secondo il proprio ritmo.

Collaborazione

La maggior parte dei genitori riconosce che il mondo sta cambiando rapidamente. Al fine di possedere determinate conoscenze e abilità per avere successo in futuro, i ragazzi homeschoolers devono creare una rete di conoscenze e collaborazioni tra famiglie, scuole e la comunità tutta.

Questo porta ad allenare quotidianamente le proprie capacità relazionali, molto più di quello che accade in un contesto scolastico di classe. Le soft skills sono perciò fondamentali. Esse sono quelle capacità relative ai tratti della personalità, alle attitudini, agli stili di comunicazione e a tutte quelle doti empatiche ed espressive, che difficilmente si apprendono sui libri.

Tra queste, l’etica e la tolleranza che permettono di gestire lo stress, ma anche la precisione, il problem solving, la creatività e l’equilibrio, fattori fondamentali in ambito lavorativo e necessari per la risoluzione di quesiti pratici e teorici.

Questi sono solo alcuni dei vari motivi per cui gli studenti hanno bisogno di un apprendimento personalizzato, ma sono sicuramente tra i più significativi. L’homeschooling fornisce la flessibilità necessaria per onorare l’unicità di ogni studente, quindi per meglio prepararli al loro futuro. Se volete approfondire l’argomento potete contattarci per introdurvi nella educazione parentale.

Competenze cognitive e operazioni mentali

Nell’ambito della progettazione per competenze, il temine «cognitivo» viene utilizzato per designare un’area della competenza. Nessun ragazzo dovrebbe uscire dal sistema formativo senza aver «attivato» una serie di operazioni mentali di fondamentale importanza, facendone quindi anche esperienza con specifiche azioni educativo-didattiche dirette e indirette.

Operazioni mentali tipiche del «pensiero/coscienza critica»

Le operazioni mentali individuate si presentano come un gruppo unitario dotato di un suo significato e sono:

comparare

comprendere

creare

descrivere

giudicare

interpretare

ipotizzare

osservare

produrre

riflettere

sperimentare

Come si vede, queste operazioni si possono applicare a moltissimi contenuti e generare azioni apprenditive su compiti scolastici e di vita quotidiana. Una didattica per operazioni mentali rovescia il tradizionale approccio che parte dai contenuti rigidamente separati e mette invece al centro l’apprendimento del soggetto.

Inutile ricordare come questo approccio sia prezioso per i nostri alunni con Bisogni Educativi Speciali.

Naturalmente, operare questa suddivisione in 12 operazioni non significa settorializzare rigidamente il funzionamento mentale, isolando un’operazione dall’altra, che nella realtà si intrecciano e dialogano funzionalmente, ma definire alcune modalità ben identificabili e connotate operativamente che strutturino l’acquisizione di competenze e il loro uso il più possibile evoluto.

Copyright 2021 by Renato Passarelli – TechNet service – p.iva: 03277690735 – Email: technetservice2021@gmail.com – Tel. 3791708496